Cos’è una “marketing strategy”, o strategia di marketing, in italiano? Partiamo con 30 secondi di silenzio… questo è un messaggio di marketing senza una strategia. Quei 30 secondi di silenzio è ciò che le persone effettivamente riusciranno a capire dalle comunicazioni che si fanno, se il messaggio non risponde direttamente alle loro esigenze. Come Howard Gossage ha accuratamente sottolineato, la gente vede o sente solo ciò che gli interessa, il resto è niente.

I consumatori non acquistano ciò che vendi. Acquistano ciò che ha valore per loro.

Siamo esposti a centinaia, se non a migliaia, di messaggi di marketing ogni giorno. Perché dovremmo essere ricettivi a tutti loro? Questo porterebbe ad un certo caos mentale. Quindi, in risposta, ci focalizziamo solo su quelli più pertinenti.

A cosa serve una “marketing strategy”, dunque?

Lo abbiamo chiesto a Erre Uno Marketing di Bologna, agenzia di marketing e comunicazione esperta nel settore, con clienti non solo nella splendida regione romagnola, ma da ogni parte della penisola.

Secondo Erre Uno, dunque, la strategia di marketing ha la funzione di selezionare chi è il tuo pubblico, cercando al tempo stesso di scoprire che cosa ha significato per loro. Di cosa si preoccupano, e come questo interagisce con la tua offerta? Qual è il messaggio che si può trasmettere, che sia vero e soddisfi il consumatore a livello dei propri bisogni? La strategia di marketing è il processo di scoprire i messaggi che possono essere ascoltati.

Perché la strategia di marketing è importante? La risposta più breve è perché permette di risparmiare denaro: essa consente di trovare dei punti di forza che permettono di usare, in modo più efficace, il budget marketing. In questa disciplina, c’è la strategia e ci sono le tattiche. Il problema è che, quando si investe in pubblicità, ci si trova di fronte al classico dilemma di Wanamaker: “La metà dei soldi che spendo per la pubblicità è sprecato; Il problema è che non so quale metà.”

In conclusione, per amore del tuo prodotto e del tuo denaro, spendi tempo ed energie per entrare veramente nella testa del tuo consumatore. Trova l’intersezione tra l’offerta e le tue esigenze. Rispondi alle due domande fondamentali: chi è il tuo cliente? Quanto vale? Isola dei fattori specifici che effettivamente guidano il loro comportamento di acquisto. Ricorda, come detto in apertura, che essi non comprano quello che stai vendendo, ma acquistano solo ciò che è di valore per loro.